Verniciare da se porte e finestre

La verniciatura di porte e finestre in legno si rende necessaria periodicamente per far si che il tempo inevitabilmente non le rovini. Qui di seguito una breve guida a verniciare da se le nostre porte e finestre nel modo migliore.

Materiali occorrenti

raschietti e spatole varie – stucco per legno, carta vetrata fine – pennelli da 12 – 20 – 40 – 70 mm
vernice di fondo – smalto

Preparazione della superficie 

Su legno nuovo stuccare eventuali buchi e levigare la superfice con carta vetrata smussando
leggermente i spigoli.
Pulire e passare una mano di fondo in modo che i pori del legno vengano parzialmente sigillati.
Su legno già verniciato rimuovere i punti deboli con un raschietto, stuccare ed infine passare
della carta vetrata fine per rimuovere il lucido in modo che la nuova vernice si attacchi bene.

Passare lo smalto

Porte — Dopo aver pulito le superfici con uno straccio inumidito con acquaragia si può procedere
con lo smalto ( tradizionalmente di tipo lucido )

immagine-porta
Per ottenere buoni risultati è importante adoperare pennelli di buona qualità applicando lo smalto
in maniera uniforme e con pennellate veloci.

Se dovete verniciare delle porte piane cominciate dall’alto, lavorate a sezioni rettangolari
velocemente con un pennello da 70 mm, incrociando le pennellate ma poi lisciando sempre allo
stesso verso (verticale)
Per porte a pannelli verniciare seguendo la sequenza indicata in figura senza interrompere il lavoro.

 

 

Finestre — Le finestre in legno vanno periodicamente verniciate per evitare che col passare del tempo marciscano.
Quindi preparate le superfici come per le porte, cioè stuccare, scartavetrare e pulire le superfici.

immagine-finestra

Su legno nuovo dare sempre una mano di fondo. Lo smalto, per ottenere dei buoni risultati,
si dovrebbe passare seguendo la sequenza indicata in figura con pennellate veloci e uniformi.

Di solito due mani sono più che sufficienti. Rispettare scrupolosamente le diluizioni dei prodotti indicate sulle confezioni.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *